Chartered Member No: 20005533 - RIBA (Royal Institute of British Architects)

Registration Number : 078091J -  arb (Architects Registration Board)

All project and works images on the web and on social media cannot be modified for advertising or commercial use, nor can it be copied or reproduced in any form without MBA Architects permission. All published images are to be credited to © 2019 by MBA.

  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • LinkedIn - Black Circle
  • Twitter - Black Circle

Minicraft Progetto per

Il Museo Etnografico di Budapest

1/8

Volevamo usare Minicraft per studiare il disegno concettuale di questo progetto in quanto questo museo dedica una parte del suo programma funzionale ai bambini.
Il Museo d'Etnografia come museo sociale è il luogo di riflessione della ricerca e della rappresentazione della cultura degli oggetti e dei fenomeni sociali attuali e presenti. È la principale istituzione ungherese di scienze etnografiche, dell'etnologia europea e dell'antropologia culturale, e il laboratorio scientifico del museo.
Grazie alla sua collezione e alla base di conoscenza, il Museo è un punto di partenza per altre scienze e arti per la comprensione, l'accettazione e il rispetto della memoria culturale, della diversità culturale e delle identità mutevoli.
Il nuovo museo di etnografia è un'agora, dove trovano ugualmente i luoghi pubblici e privati, il mondo basato sul dare e ricevere, e l'individuo basato sui valori locali, le specialità e l'individualità. Una nuova istituzione basata su questi concetti moderni affascina il visitatore e lo attrae nel suo spazio con i mezzi architettonici di apertura e trasparenza.
Il nuovo edificio del Museo d'Etnografia funge da cancello e come un edificio "pietra angolare" per il Parco Comunale e il suo aspetto architettonico dovrebbe riflettere non solo il significato dell'istituzione, ma anche la diversità culturale di Liget Budapest.
L'approccio principale all'edificio è la passeggiata pedonale di recente costruzione lungo la via Dózsa György che corre verso Piazza degli Eroi. Tuttavia, anche il traffico pedonale che arriva sulla Ajtósi Dürer allée, via Dózsa György o da István Street dovrebbe essere preso in considerazione, così come l'apertura vista sull'asse di queste strade.
La facciata principale dell'edificio si affaccia verso il nord, fino alla passeggiata pedonale. È di primaria importanza progettare una facciata che rifletta gli edifici urbani circostanti all'incrocio tra l'allée Ajtósi Dürer e la Dózsa György Street.
L'edificio ha un disegno più aperto e allentato verso l'interno del parco.