MUSE (ミューズ )

FUKUOKA,  JAPAN

fukuoka _Site Area
fukuoka _Site Area

press to zoom
Project Area
Project Area

press to zoom
3d model
3d model

press to zoom
fukuoka _Site Area
fukuoka _Site Area

press to zoom
1/20

 

Il concetto di base della nostra proposta progettuale era quello di voler creare un luogo di meditazione in cui l'aspetto costruttivo fosse mitigato dagli input sensoriali e prestando attenzione alla scala umana al fine di generare un impatto positivo sullo stato emotivo delle persone che utilizzeranno i suoi spazi.

A nostro avviso, uno spazio per risolvere lo stress della vita quotidiana può essere ottenuto facendo riferimento alle strutture dei templi giapponesi e dei suoi giardini Zen, con una porta esterna posta nell'asse centrale dell'area nel sud, sud-est nel nostro caso, concordando con i principi cinesi del fengshui. Uno stagno di fronte al tempio Zen, nel nostro caso l'edificio principale centrale contenente la sala per la meditazione di gruppo, con la sua passerella che lo attraversa rappresenta il passaggio dallo spazio profano a quello sacro.

L'intera area dedicata alla meditazione si trova in un cortile interno che contiene un ampio giardino Zen e bacino d'acqua (laghetto) con colonnati coperti e passerelle pedonali circondate da una parete tutto intorno che, mentre facilita un senso di protezione e impenetrabilità (muro di pietra alto 4 m), sul lato opposto si trovano invece una serie di portali (alti circa 9 m) con capanne appese e aperte sul vicino fiume e l'area boscosa con le sue passerelle sopraelevate che facilitano il distacco dal mondo terrenoe allo stesso tempo elevano lo spirito umano.

Nella progettazione del complesso architettonico abbiamo inserito, come richiesto nel brief originale, aree pubbliche dedicate alla meditazione (personale e per gruppo), strutture, ristorante, caffetteria e sala da tè, laboratori e spazi di interazione. Allo stesso tempo, abbiamo anche aree private come spazi per le persone che pernottano e servizi.

Lo spazio per la meditazione di gruppo è concepito come un ambiente tranquillo e intimo, a cui si accede dopo aver camminato attraverso il grande giardino Zen all'aperto, la sala di meditazione di gruppo riceve luce attraverso un lucernario che attraversa l'intero tetto. Questa luce zenitale, unita alle pareti inclinate interne completamente rivestite in legno, serve a dare una sensazione di intimità ad uno spazio comunque destinato ad ospitare ancora più gruppi di persone. Ciò che rende particolare questo sistema di "passi" è quello di consentire agli utenti di avere spazio per la meditazione ma anche possibilmente per cerimonie o incontri destinati a vedere più persone riunite.

L'idea alla base dei portali è stabilire un confine, un divario tra il mondo esterno e lo spazio del progetto. Tuttavia, questo scisma è solo simbolico, anche se è impressionante; infatti, le ampie aperture tra i pilastri permettono il passaggio tra il mondo esterno e lo spazio interno, dando al contempo l'impressione di una separazione fisica.

I pilastri fungono anche da supporto per una passerella interna sopraelevata, da cui è possibile accedere alle capanne di Meditazione Personale. Ottenuti dalla deformazione di un parallelepipedo, questi piccoli ambienti appesi alla trave del portale vogliono costituire una sorta di mondo a parte, per il ricordo e le riflessioni personali. Completamente rivestiti in legno, per ottenere una luce interna calda e morbida, hanno una parete vetrata che si affaccia sulla vegetazione. Sul pavimento un'apertura circolare vetrata permette di vedere dall'alto il mondo sottostante, separato dalla quiete della stanza.

Come accennato in precedenza abbiamo dato molta importanza nel progetto alle caratteristiche naturali cercando di integrarlo al massimo con gli edifici progettati soprattutto per quanto riguarda le aree di meditazione personale completamente aperte sulla natura  con le grandi finestre vetrate delle capanne di contemplazione. Il verde è stato poi integrato nella progettazione del cortile interno con giardino Zen e della serra tra i due edifici per le persone che pernottano. Abbiamo anche usato grandi finestre come facciate continue per facilitare la trasparenza e il passaggio della luce naturale creando una vista aperta sul giardino. Il susseguirsi di passerelle sopraelevate nell'intero complesso architettonico facilita la vista sull'ambiente naturale circostante.

Abbiamo incluso all'ingresso principale del complesso architettonico una Torre come l'edificio più alto e simbolo di attrazione pubblica.

L'edificio destinato ad ospitare gli ateliers di lavoro è stato concepito come una serie di spazi aperti che occupano ogni piano della struttura, in modo da poter organizzare lo spazio in base alle esigenze che di tanto in tanto sorgono.

Al piano terra c'è una reception per informazioni riguardanti i laboratori e più in generale le attività di tutto il centro.

Le pareti esterne sono completamente vetrate, per garantire un'illuminazione adeguata a tutta la superficie. L'intera struttura è stata rivestita con doghe in legno, in parte per attenuare il bagliore della luce solare, ma anche per rendere il volume cubico dell'edificio più organico e aperto al pubblico con la sua semi-trasparenza.